Credito Ora

SOSTEGNO ALLE IMPRESE LOMBARDE

Misura di abbattimento tassi per favorire la liquidità delle micro e piccole imprese dei settori dei servizi di ristorazione e per le attività storiche per importi fino a 30.00 € in relazione all’emergenza Covid-19.

Beneficiari

Micro e Piccole Imprese aventi sede operativa in Lombardia (secondo la definizione di cui all’Allegato I del Regolamento UE 651/2014 del 17 giugno 2014) operanti nei seguenti settori (Codice Ateco Primario indicati di seguito:

  • 56.10.1 Ristorazione con somministrazione
  • 56.10.2 Ristorazione senza somministrazione con prep. cibi da asporto
  • 56.10.3 Gelaterie e pasticcerie
  • 56.30 Bar e altri esercizi simili senza cucina

Oltre a tali categorie possono accedere al contributo per abbattimento tassi anche le attività storiche e di tradizione (negozi e botteghe) riconosciute da Regione (i locali storici sono già inclusi negli Ateco precedenti).

Caratteristiche agevolazione

Possono beneficiare del contributo le imprese che stipulino un contratto di finanziamento con un istituto di credito e/o un Confidi per operazioni di liquidità: 

  • di importo minimo 10.000 euro e massimo 30.000 euro
  • della durata da 12 a 72 mesi, di cui max 24 mesi di preammortamento
  • stipulato a decorrere dal 16 ottobre 2020.

Regione Lombardia interviene con:

  • l’abbattimento degli interessi fino al 3% (e comunque non oltre il Tasso Annuo Effettivo Globale del finanziamento sottostante) fino ad un valore massimo di 2.500 euro
  • copertura del 50% degli eventuali costi di garanzia (max 300 euro).

Ogni impresa può presentare un solo contratto di finanziamento e tale contratto non deve essere già stato oggetto di agevolazione in conto interessi. 

Il contributo viene erogato in una unica soluzione.

Presentazione delle domande

L’assegnazione del contributo avverrà con procedura “a sportello” con prenotazione delle risorse secondo l’ordine cronologico di invio telematico della richiesta e fino ad esaurimento delle risorse a disposizione e comunque entro e non oltre il 31/03/2021.

 

* Note sintetiche indicative e non esaustive. La presente informativa non ha valore di proposta. Si rinvia al testo dei bandi e si raccomanda la relativa presa visione.

Agevolazioni imprese agricole

Credito di funzionamento

Il bando sostiene il fabbisogno di liquidità necessaria al funzionamento delle imprese agricole mediante la concessione di CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSE.

Beneficiari

Imprese che operano nel settore della produzione primaria di prodotti agricoli con sede operativa nel territorio lombardo, iscritte al registro delle imprese della C.C.I.A.A. alla sezione speciale “impresa agricola” o alla sezione “coltivatore diretto” e che abbiano attivato il Fascicolo Aziendale informatizzato nel sistema informativo delle Conoscenze della Regione Lombardia (SISCO).

Caratteristiche agevolazione

Contributo in conto interessi.

Il contributo è determinato sull’importo del finanziamento quale quota parte degli interessi posti a carico del Fondo, pari a massimo 2% per anno.

Modifica temporanea per emergenza COVID-19: abbattimento tasso fino al 4% per tutte le domande presentate dal 27 marzo 2020.

L’importo massimo del contributo è in ogni caso di 20 mila euro.
Erogazione in unica soluzione per tramite dell’Istituto convenzionato.

Spese ammissibili

Il contributo in conto interessi viene erogato a fronte di finanziamenti concessi dagli Istituiti di credito convenzionati.

I finanziamenti agevolabili devono presentare le seguenti caratteristiche:

  • importo minimo pari a 50 mila euro e massimo di 150 mila euro
  • durata del piano d’ammortamento da 24 mesi a 60 mesi.

I finanziamenti di importo e durata superiori saranno oggetto di agevolazione solo fino alle relative soglie.

Presentazione delle domande

Sportello aperto.

La domanda di partecipazione può essere presentata dal 4 ottobre 2019, sino ad esaurimento della dotazione finanziaria.

 

* Note sintetiche indicative e non esaustive. La presente informativa non ha valore di proposta. Si rinvia al testo dei bandi e si raccomanda la relativa presa visione.

Bando Sport 2020

“È di nuovo sport”

L’iniziativa congiunta di Regione Lombardia e Fondazione Cariplo intende sostenere l’attività ordinaria delle associazioni e società sportive dilettantistiche (ASD / SSD) iscritte al registro CONI o alla sezione parallela del CIP attraverso la concessione di CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO.

Beneficiari

  • Associazioni e Società Sportive Dilettantistiche (ASD/SSD) senza scopo di lucro iscritte al CONI o sezione parallela CIP con sede legale e/o operativa in Lombardia
  • Comitati e Delegazioni regionali della Lombardia di FSN, DSA e ESP riconosciuti da CONI o da CIP

Spese ammissibili

Sono ammissibili le spese con giustificativo emesso dal 01/09/2019 al 15/09/2020.

Spese legate all’emergenza Covid-19

  • spese per ripristino funzionalità degli impianti a seguito di mancato utilizzo e manutenzione su impianti di trattamento dell’aria e dell’acqua
  • spese di pulizia, sanificazione e igienizzazione di locali e attrezzature  
  • acquisto DPI, termoscanner per rilevazione temperatura, disinfettanti superfici, gel mani, dispenser sapone, pannelli divisori, plexiglass, materiale informativo e segnaletica
  • compensi medico competente nel contesto delle misure anti COVID-19
  • studi professionali e consulenti, assistenza fiscale e legale connessa al periodo di emergenza sanitaria

Spese ordinarie

  • spese gestione impianti (canoni locazione/canoni concessori, utenze, manutenzione ordinaria)
  • costi di tesseramento
  • tasse iscrizione competizioni
  • compensi collaboratori sportivi
  • acquisto abbigliamento e attrezzature sportive
  • noleggio veicoli e attrezzature
  • formazione aggiornamento istruttori (DAE,altri)
  • acquisto e noleggio defibrillatori
  • polizze assicurative

Tutte le spese dovranno essere quietanzate entro la data di presentazione della rendicontazione (gennaio 2021).

Caratteristiche dell’agevolazione

Contributo a fondo perduto pari al massimo al 70% delle spese ammissibili. Contributo massimo € 10.000,00.

Presentazione delle domande

Le domande di contributo devono essere presentate a partire dal 15 luglio 2020 fino al 15 settembre 2020. 

Procedura valutativa, con graduatoria che verrà approvata entro il 30 ottobre 2020.

 

* Note sintetiche indicative e non esaustive. La presente informativa non ha valore di proposta. Si rinvia al testo dei bandi e si raccomanda la relativa presa visione

Safe Working – Io riapro sicuro

covid-19

Contributi a fondo perduto per interventi connessi alla sicurezza sanitaria in favore delle imprese lombarde

APERTURA 28/05/2020

Beneficiari

Micro e piccole imprese lombarde che sono state oggetto di chiusura obbligatoria in conseguenza all’emergenza epidemiologica da Covid-19 o che hanno deciso di introdurre il lavoro agile per tutti i dipendenti, pur rientrando tra le attività consentite, e operano nei settori:

commercio, dei pubblici esercizi (bar e ristoranti), artigianato, manifatturiero, edilizia, servizi, istruzione e sport,

così come specificato negli allegati del bando.

Sono escluse le attività consentite dal D.P.C.M. dell’11/0320, 22/0320 e DM 25/0320, nonché le imprese che hanno esercitato in deroga.

Spese ammissibili

Saranno ammissibili le spese sostenute a far data dal DPCM del 22 marzo 2020 riferite a:

  • acquisto di macchinari per la sanificazione e disinfezione ambienti 
  • acquisto di strumenti di aerazione; 
  • acquisto di strumenti di igienizzazione per i clienti/prodotti/spazi 
  • interventi strutturali e acquisto arredi per garantire distanziamento 
  • acquisto di strumenti relativi al controllo dell’affollamento locali; 
  • acquisto di strumentazione misurazione temperatura corporea; 
  • sanificazione e disinfezione degli ambienti aziendali; 
  • predisposizione di strumenti di comunicazione (segnaletica); 
  • interventi formativi sulle prescrizioni e sui protocolli

Le spese sono ammissibili dal 22 marzo 2020 ed al momento della presentazione della domanda devono essere già sostenute (fattura e pagamento).

Caratteristiche dell’agevolazione

Valore minimo investimento Contributo massimo concedibile Intensità di agevolazione
€ 2.000,00 € 25.000,00 60% per le piccole imprese
70% per le micro imprese

Presentazione delle domande

Le domande di contributo devono essere presentate a partire dal 28 Maggio 2020 fino al 10 Novembre 2020. Salvo esaurimento anticipato.

CONTATTACI PER APPROFONDIMENTI, INFORMAZIONI, ASSISTENZE E CONSULENZA

 

* Note sintetiche indicative e non esaustive. La presente informativa non ha valore di proposta. Si rinvia al testo dei bandi e si raccomanda la relativa presa visione

Safe Working – Io riapro sicuro

Ambienti di lavoro - Coronavirus

Bando di Regione Lombardia
PROSSIMA PUBBLICAZIONE

Contributi a fondo perduto per interventi strutturali riguardanti la sicurezza sanitaria nell’ambito dell’emergenza Covid-19 e della ripresa dell’attività di impresa (c.d. Fase-2) mantenendo in sicurezza lavoratori, fornitori e clienti.

Beneficiari

Micro e piccole imprese lombarde che sono state oggetto di chiusura obbligatoria in conseguenza all’emergenza epidemiologica da Covid-19 o che hanno deciso di introdurre il lavoro agile per tutti i dipendenti, pur rientrando tra le attività consentite, e operano nei settori:

  • commercio al dettaglio,
  • pubblici esercizi (bar e ristoranti),
  • artigianato,
  • manifatturiero,
  • edilizia
  • servizi
  • istruzione
  • sport.

Spese ammissibili

Saranno ammissibili le spese sostenute a far data dal DPCM del 22 marzo 2020 riferite a:

  • macchinari per la sanificazione e disinfezione degli ambienti;
  • strumenti di aerazione;
  • strumenti di igienizzazione per i clienti/utenti;
  • interventi strutturali o temporanei nonché arredi necessari a garantire il rispetto delle misure di distanziamento sociale;
  • acquisto di prestazioni e/o strumenti relativi al monitoraggio e controllo dell’affollamento dei locali;
  • acquisto di dispositivi di protezione individuale;
  • acquisto di strumenti per la misurazione della temperatura corporea a distanza;
  • sanificazione e disinfezione degli ambienti aziendali;
  • strumenti di comunicazione (segnaletica);
  • interventi formativi sulle prescrizioni e sui protocolli da adottare 

Presentazione delle domande

In attesa della pubblicazione del bando e  relativo regolamento attesa entro il 20 maggio.

 

* Note sintetiche indicative e non esaustive. La presente informativa non ha valore di proposta. Si rinvia al testo dei bandi e si raccomanda la relativa presa visione

Bonus pubblicità 2020

Bonus pubblicità 2020

30% su intero investimento 2020

La legge di conversione del decreto Cura Italia conferma le novità 2020 per il bonus pubblicità: credito al 30% ma sull’intero investimento.

Contenuti e modifiche

Bonus pubblicità al 30% sull’intero investimento 2020 (e non solo sulla parte incrementale rispetto all’anno precedente) per fronteggiare l’emergenza Coronavirus.

La novità per le imprese che investono in pubblicità sui mezzi di informazione, contenuta nel DL Cura Italiaè stata confermata e quindi in vigore.

Tecnicamente, il decreto modifica il precedente ed introduce la novità sopra riportata limitatamente al 2020.

Normalmente, infatti, il bonus pubblicità è al 75% sulla parte incrementale dell’investimento rispetto all’anno precedente sulla stessa tipologia di mezzo d’informazione.

Nel 2020, invece, il credito d’imposta è al 30% sull’intero investimento. Una diversa modulazione che incentiva più orizzontalmente il mercato.

Il diritto all’agevolazione resta condizionato al fatto che gli investimenti siano incrementali di almeno l’1% rispetto all’anno prima.

Presentazione delle domande

È possibile presentare nuova domanda nel periodo dall’ 1 al 30 settembre 2020

Entro il 31 gennaio 2021 andrà presentata la dichiarazione sostitutiva sugli investimenti effettuati nel 2020.

I soggetti ammessi possono utilizzare il credito d’imposta, a decorrere dal quinto giorno lavorativo successivo alla pubblicazione del provvedimento di ammissione, in compensazione da effettuare con il modello F24 attraverso i canali telematici dell’Agenzia delle entrate. Se la somma supera i 150mila euro, bisogna invece attendere la comunicazione individuale di abilitazione.

 

* Note sintetiche indicative e non esaustive. La presente informativa non ha valore di proposta. Si rinvia al testo dei bandi e si raccomanda la relativa presa visione.

Invitalia: bando Impresa Sicura

covid-19

Contributo a fondo perduto per acquisto DPI

Il bando di Invitalia consente alle aziende di ottenere il rimborso delle spese sostenute per l’acquisto di dispositivi ed altri strumenti di protezione individuale (DPI) finalizzati al contenimento e al contrasto dell’emergenza epidemiologica COVID-19.

Beneficiari

Tutte le imprese, indipendentemente dalla dimensione, dalla forma giuridica e dal settore economico in cui operano che siano:

  • regolarmente iscritte come “attive” nel Registro delle Imprese
  • con sede principale o secondaria sul territorio nazionale
  • nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non in liquidazione volontaria e non sottoposte a procedure concorsuali con finalità liquidatoria.

Caratteristiche agevolazione

  • Rimborso fino al 100% delle spese ammissibili.
  • Massimo rimborsabile 500 euro per ciascun addetto dell’impresa a cui sono destinati i DPI
  • Contributo massimo di 150mila euro per impresa.
  • Importo minimo rimborsabile 500 euro

Spese ammissibili

È possibile richiedere il rimborso delle spese per l’acquisto di dispositivi ed altri strumenti di protezione individuale, sostenute tra il 17 marzo 2020 e la data di invio della domanda di rimborso.

Impresa Sicura rimborsa l’acquisto di:

  • mascherine filtranti, chirurgiche, FFP1, FFP2 e FFP3;
  • guanti in lattice, in vinile e in nitrile;
  • dispositivi per protezione oculare;
  • indumenti di protezione quali tute e/o camici;
  • calzari e/o sovrascarpe, cuffie e/o copricapi;
  • dispositivi per la rilevazione della temperatura corporea;
  • detergenti e soluzioni disinfettanti/antisettici

Presentazione delle domande

Prenotazione del rimborso dall’11 al 18 maggio 2020, salvo esaurimento anticipato delle risorse.

 

* Note sintetiche indicative e non esaustive.
La presente informativa non ha valore di proposta. Si rinvia al testo dei bandi e si raccomanda la relativa presa visione.